Viaggiare Organizzati
Mangiare all'estero: rischi e precauzioni

La maggior parte dei circa 10 milioni di italiani che ogni anno partono per l'estero, sottovaluta i rischi del cibo. Parola degli esperti della Società italiana per la medicina dei viaggi e delle migrazioni (Simvim), secondo cui ogni viaggio nasconde le sue insidie. Ogni viaggiatore ha le sue caratteristiche che lo espongono a rischi ben precisi.
Ecco cosa bisogna fare per evitare i rischi.

Anzitutto il buon senso
Basta poco per mettersi al riparo dai fastidiosi inconvenienti (intossicazioni, diarree, ecc.). L'ideale è innanzitutto rivolgersi ai Centri di medicina dei viaggiatori, sparsi su tutto il territorio nazionale, in modo da prendere le informazioni necessarie e partire preparati e ben equipaggiati. Ma si può comunque fare tesoro di una serie di consigli generali:

1.Chi sceglie i Paesi freddi deve senz'altro prediligere cibi caldi con buon potere calorico, alta percentuale di carboidrati per avere energia in tempi più rapidi, e buona presenza di proteine e grassi per l'energia di accumulo. Mentre chi decide di avventurarsi nelle zone polari, per esempio, deve sapere che le popolazioni locali si nutrono moltissimo di fegato. Una pietanza che garantisce l'apporto di sostanze nutrienti importanti, ma che può far rischiare l'intossicazione da vitamina A in chi non è abituato.

2. Alcune regole per i Paesi caldi

La maggior parte dei vacanzieri italiani sceglie di solito i Paesi caldi, dove i rischi più diffusi sono la contaminazione degli alimenti e delle acque, la disidratazione, la fatica e il disagio legati a situazioni particolarmente estreme, come il deserto. Per loro ecco un piccolo vademecum:
1. Bere acqua purificata o, se imbottigliata, addizionata di Co2;
2. mangiare cibi leggeri, ben cotti e serviti caldi;
3. evitare macedonie già pronte, preferendo frutta da sbucciare;
4. evitare insalate crude; non usare mai ghiaccio;
5. consumare latte e latticini solo se pastorizzati;
6. evitare molluschi e pesce crudo o poco cotto, anche se con limone o aceto;
7. evitare cibo venduto in baracchini lungo le strade;
8. asciugare, prima di bere, l'esterno delle lattine messe a refrigerare nel ghiaccio o nell'acqua;
9. usare acqua purificata anche per lavarsi i denti o per assumere medicinali.

3. Attenzione a questi cibi!

C'è anche una "lista nera" dei cibi pericolosi da evitare.
Resistete alla tentazione di piatti offerti da bancarelle o ristoranti poco raccomandabili. Da evitare sono soprattutto molluschi, pesci e crostacei, che possono nascondere pericolose insidie, come la "ciguatera", una malattia da consumo di pesci predatori che hanno ingerito molluschi o altri pesci tossici. La più classica delle conseguenze potrebbe essere un'intossicazione da frutti di mare, o reazioni allergiche agli sgombroidi, la seconda patologia più segnalata ai centri di medicina dei viaggi dopo la diarrea del viaggiatore (lamentata dal 60% degli utenti).

4. Bambini e anziani, i più vulnerabili

Le regole da seguire cambiano poi a seconda dell'età e delle caratteristiche fisiche. Le categorie più vulnerabili sono senz'altro i bambini, a rischio disidratazione nei climi caldi, e gli anziani per i quali vale la "regola dei tre pugni": uno di carne, uno di verdura cotta e uno di frutta fresca, il mix ideale per salvaguardare la salute durante i viaggi.

5. Bandito l'alcol in ogni caso.

Ma attenti soprattutto alla birra. In alcune località si usa masticare i cereali che poi vengono messi in fermentazione in condizioni poco igieniche.

Link utili

Sito dedicato ai ristoranti nel mondo

Pagine correlate

Scioperi
Come leggere il biglietto aereo
Medicine utili
Come comportarsi all'estero
Consigli di viaggio
Pirateria marittima
Infuenza A(H1N1)
Raccomandazioni
Cosa sono le offerte lowcost
Fly & drive
Organizzare un viaggio fai da te
10 Consigli per prenotare viaggio

zanox
Questa pagina è esclusiva proprietà di Voglia di viaggiare © Andrea P. 2008-2009  Vietata la copia e la distribuzione, anche parziale
Le nostre offerte